pilates in fisioterapia

Nel PILATES la qualità del movimento è più importante della quantità e della difficoltà degli esercizi, fondando quindi la propria efficacia sulla correttezza dell'esecuzione; per ottenere tale accuratezza è fondamentale che sia insegnato da un terapista della riabilitazione laureato e formato specificatamente e che, soprattutto nelle fasi iniziali del trattamento, il rapporto paziente - terapista sia uno a uno.
Attraverso la consapevolezza e la gestione diretta della propria motricità, il paziente può riconoscere, ridurre o eliminare i comportamenti compensatori da lui sviluppati e sostituirli con comportamenti più funzionali. 

Si propone una visione globale del paziente e della sua unicità, non soffermandosi solo sulla rieducazione segmentaria o sulle relazioni tra i muscoli ma si esplora le connessioni che esiste tra le varie parti del corpo e il modo in cui ogni soggetto elabora strategie motorie finalizzate ad un obiettivo. Gli esercizi e il movimento diventano “strumenti terapeutici”, utili dapprima a valutare il paziente e poi a riabilitarlo.
pilates fisioterapia
silvia raneri
Si mira a ricreare una postura corretta aiutando a eliminare le sintomatologie dolorose della schiena e delle articolazioni, facendo recuperare il benessere; Il Pilates è quindi, in ambito riabilitativo, uno strumento efficace da integrare nella cura di diverse patologie e tipologie di pazienti per esempio:

Atleti
Per riequilibrare tensioni posturali ed evitare o limitare sovraccarichi articolari, migliorare l’elasticità e il coordinamento muscolare, integrare la riabilitazione da infortunio prima del ritorno all’attività sportiva, migliorare il gesto atletico specifico e la performance sportiva (golf, tennis, equitazione, ciclismo, calcio..), ridurre il rischio di infortuni

Alterazioni posturali e scoliosi 
Per riequilibrare tensioni miofasciali ed evitare o limitare sovraccarichi articolari, migliorare l’integrazione funzionale tra i vari distretti corporei, creare schemi di movimento efficienti e costruire un “corsetto” neuromuscolare per un maggior controllo e stabilità della colonna, educare la respirazione, migliorare l’auto-immagine specialmente nei ragazzi per i quali il trattamento assume anche un aspetto ludico-sportivo ed è maggiormente accettato psicologicamente

Patologie della colonna vertebrale e delle grandi articolazioni 
Nella rieducazione funzionale anche dopo interventi chirurgici alla spalla, anca, ginocchio, caviglia, ernia del disco, ricostruzione legamenti, protesi o dopo traumi, distorsioni, lussazioni, fratture; per patologie degenerative della colonna vertebrale (artrosi, artrite) per stabilizzare il baricentro, recuperare mobilità e tono muscolare, allenare la stabilizzazione con carichi crescenti, educare la respirazione e riequilibrare la postura

Patologie di origine neurologica o autoimmunitaria
(morbo di Parkinson, Sclerosi Multipla, emiplegia, esiti di traumi cranici, paraplegia, fibromialgia, lupus, artrite reumatoide..) per migliorare le capacità motorie residue, la coordinazione, l’equilibrio, ridurre il dolore e la rigidità, stimolare le capacità cognitive (attenzione/concentrazione), aumentare il grado di autonomia

Riabilitazione dopo interventi di chirurgia oncologica, cardiaca, respiratoria
Per riequilibrare tensioni miofasciali e ridurre il rischio di aderenze e cicatrici, recuperare la mobilità articolare e riacquistare sicurezza nel proprio corpo e nella capacità di gestire la propria vita
 
Riabilitazione del pavimento pelvico e pre-post gravidanza
Per migliorare il controllo e la continenza del pavimento pelvico, riequilibrare la postura in particolare del bacino
Per migliorare la percezione, l’attivazione e il controllo del piano perineale, proteggere, rinforzare e stabilizzare la colonna lombare, riequilibrare la postura, migliorare la tonicità muscolare in particolare della muscolatura addominale, ritornare in forma dopo la gravidanza
 
Osteoporosi
Per prevenire la perdita di massa ossea, migliorare l’equilibrio, la postura, il tono muscolare, ridurre dolore, rigidità e prevenire cadute, educare la respirazione, mobilizzare la gabbia toracica, limitare i paramorfismi della colonna vertebrale
 
Pazienti anziani
Per compensare la mancanza di movimento, migliorare l’equilibrio e l’autonomia, ridurre dolore e rigidità e creare un momento di aggregazione.
 
Equilibrare il corpo ed imparare a muoversi correttamente produce un impatto positivo anche nello svolgimento delle normali azioni di vita quotidiana.
Questo metodo è adatto a tutte le età e a tutte le persone ed è utile anche come trattamento di mantenimento per diminuire il rischio di recidive.
Fisioterapia e pilates Roma

Torna alla lista        Stampa